La strada sbagliata pare sempre la più ragionevole.

George Augustus Moore

 

                    L’ascesa       

      Per la ruvida strada risalivo
     alle pianure della meta, avvolto
     dall’afoso dominio del silenzio.
     Fra l’incertezza e l’umiltà dell’ospite
     guizzò svelto un ramarro, sparendo
     nell’istinto spavaldo di un destino.
     Opponevo il sudore ai muri a secco
     e il sorriso ai sospetti di uno sguardo.
     Io nascondevo l’arte e le cadenze
     di un poema sconfitto dal profitto,
     pronto al tempo sofferto e al pane offerto.

  

                                            Tangenziale

                          Si allungano compatte le dimore
                         sul buio sviscerato dei neo-portici
                         imbucati nel male, oltre lo sfascio
                        di luci replicate a schiera
                       sui prati sottoposti ai viadotti
                      che, ginnasti sbilenchi, se ne vengono
                     dal tiburtino malfamato e sfugge
                     lo scafo del borghese e vanno i crocchi
                    dei bucanieri in aliti fumanti,
                   risentito il parlare nelle fistole
                  del tempo che resiste attorno al fato
                 dei condominii sfatti, irrorati
                dalle antenne, nel sonno degli ingiusti.

                       

                                      Prenestino

                      Nei viali depistati il tozzo assistere
                     di palazzi che celano cortili
                    negati come vecchie colpe e pesano
                    sfogati nei richiami che ritentano
                   la corta ascesa del significato.
                  E una congrega di portoni e insegne
                  scadente dietro il passo, regolato
                  sulla deriva del consueto, verso
                 le lontananze dell’alternativa.
                Negli angoli fiutati dagli avanzi
               dell’aria deviata l’ombra evapora,
               ripassano coi pattini sfregiando
              la distesa decenza, rughe solcano
              sfondi di questo istante che ti tiene
             in primo piano ma spietata, attenta
            all’inganno col quale predisponi
            la nostra tresca, parli a lui, procedi
           nel nome della noia e dello shopping.

                                        
 

                  
                    

Annunci